navighiamo
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Riscaldarsi in barca.

Andare in basso

default Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da nautius il Gio 28 Nov 2019 - 0:03

Un'altra sorpresa della "nuova" barca.

Sono anni che mi ingegno vivendo la barca anche in inverno per scaldarla convenientemente..... prima i termi a olio, poi le stufe convettive, poi quello che pensavo la soluzione cioè la pompa di calore... venduta come la miglior soluzione utilizzata per scaldare l'acqua che circolava sulla merda di barca che avevo avuto la sciagura di comprare...

Risultato ci voleva 40 minuti per fare andare l'acqua in temperatura, prima di scaldare, avevi tutta la notte l'acqua che raffreddava la pompa di calore che usciva e ti faceva dormire male, a parte per il rumore che invero si sentiva poco per il richio che si staccasse un tubo e ti trovassi in pochi minuti allagato.

Ed allora spegnere tutto prima di addormentarsi e svegliarsi al freddo... rompersi i coglioni una giornata per installare un sistema domotico che accendesse il tutto prima che arrivassimo sempre cmq con il pensiero dell'acqua e un calore o troppo o poco... 

In Azur un sistema SEMPLICISSIMO che consiglio a tutti di considerare se vivono la barca in inverno e hanno l'impianto di aria condizionata... delle SEMPLICISSIME resistenze che si accendono quando serve prima dell'evaporatore e della ventola.
Si scalda immediatamente, consuma poco, non hai acqua che circola, la puoi lasciare accesa tutto il giorno e c'e' un termostato che stacca quando arriva alla temperatura prefissata per cui hai sempre la temperatura ottimale senza avere niente in funzione quando non serve... FANTASTICO!!!

Se non vendevo quella robaccia avrei investito 2000 € per un webasto per scaldarmi decentemente, per fortuna me la sono tolta dai coglioni e ho visto come si fanno le cose fatte bene...inutile dire che NESSUNO mi aveva mai prospettato quella soluzione... tutti webasto!!! webasto!!! certo che poi hai un bruciatore che va, consuma gasolio, fa un rumore del diavolo e hai uno scarico fumi che macchia la carena... e butta aria rovente in giro.. e tubi che arrivano a temperature da incendio nei gavoni.... 

Per questo vi do la dritta.. prima di buttare migliaia di € pensate alle soluzioni semplici ed EFFICACI!!! 

Ultima cosa l'impianto funziona indipendentemente dal fatto che la barca sia in acqua ci abbiamo dormito in secca senza alcun problema... e se la temperatura dell'acqua scende sotto i 7 gradi continua ad andare a differenza della pompa di calore che va in protezione... e se hai la barca in un capannone non hai il problema dei fumi di scarico del webasto e nemmeno il rischio che magari girino sulla banchina o sulla barca vicina e ti rientrino in barca... o di crepare soffocato se si rompe la marmitta....

_________________
Claudio e' nautius!!   *******LA PIU' GRANDE PASSIONE E' IL MARE*******

La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un proumo troppo forte. È una musica che non so suonare. Perdonami amico mio, ma io non scenderò.

Danny Boodman T.D. Lemon Novecento
nautius
nautius
Admin
Admin

Maschio
Numero di messaggi : 16568
Età : 54
Localizzazione : luminosa serenissima repubblica
Barca e motori : Jeanneau Prestige 46
Porto/Marina : Izola Slovenia
Data d'iscrizione : 25.09.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da soldy il Gio 28 Nov 2019 - 10:01

beh a questo punto bastano dei termoconvettori elettrici (ovviamente bellini e ben inseriti) e via...
il cosumo è molto maggiore rispetto alla pdc, ma per l'utilizzo che si fa del riscaldamento in barca il vantaggio sia economico che ecologico lo recuperi nel tremila...
soldy
soldy
fancazzista reale
fancazzista reale

Maschio
Numero di messaggi : 1263
Età : 56
Localizzazione : Livorno
Barca e motori : Marinello Eden 22
Porto/Marina : Livorno
Data d'iscrizione : 21.10.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da Franz-One il Gio 28 Nov 2019 - 11:57

Non ho capito bene come funziona il sistema (non sono molto tecnico).

Sulla mia, non usandola da novembre a marzo/aprile, l'impianto di condizionamento fa anche da riscaldamento e in quei mesi riesce a tenere la temperatura più che accettabile. Non so se abbia anche delle resistenze di riscaldamento. Usa però l'acqua di mare e non lo potrei usare quindi in secca, ma quando la alo va in capannone chiuso e con antifurto e non potrei comunque dormirci a bordo.

Poi se usi il bagno le acque grigie dove scaricano quando il mini serbatoio fa partire lo scarico esterno?

Le acque nere hanno un serbatoio che ha una qualche autonomia, ma poi devi comunque svuotarlo... e se si riempie prima di tornare in acqua?

Mi piacerebbe un anno lasciarla fuori e poterci dormire qualche rara volta d'inverno.

Franz-One
Franz-One
fancazzista reale
fancazzista reale

Maschio
Numero di messaggi : 3088
Età : 60
Localizzazione : Verona
Barca e motori : Sunseeker Manhattan 65 - IPS 1200
Porto/Marina : Lignano
Data d'iscrizione : 09.10.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da nautius il Gio 28 Nov 2019 - 13:29

Il sistema non usa assolutamente l'acqua in quanto esclude il compressore del condizionatore e la pompa di calore e scalda l'aria che esce dalle stesse bocchette dell'aria condizionata con delle resistenze.

Soldy avevo provato con i termoconvettori come scritto ma non è assolutamente la stessa cosa, intanto non sono integrati e non sfruttano le canaline preposte e studiate per diffondere calore e condizionamento e poi non ti danno la stessa sicurezza della macchina installata... ne vedi mettere 2 o 3 e la distribuzione del calore non è assolutamente uniforme.. mi ricordo che sul ferraglietti li avevo usati nemmeno una stagione preferendovi i termi ad olio che scaldavano meglio e in maniera più uniforme e non a zone, pur se più lentamente, e mi davano molta più sicurezza.

Franz non puoi considerare di usare la barca in secca per mesi... solo per qualche gg magari in occasione dei lavori in carena come ho fatto io, acque nere e per le acque grigie devi andare a lavarti nei bagni del marina, oppure se piove scarichi sul piazzare, certo non ti fai la doccia ma la faccia puoi lavartela.

Se hai il riscaldamento a pompa di calore è assolutamente impossibile dormire in barca che ai 4 venti si raffredda ancora di più, sempre che non ti porti dei termi ovviamente...

_________________
Claudio e' nautius!!   *******LA PIU' GRANDE PASSIONE E' IL MARE*******

La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un proumo troppo forte. È una musica che non so suonare. Perdonami amico mio, ma io non scenderò.

Danny Boodman T.D. Lemon Novecento
nautius
nautius
Admin
Admin

Maschio
Numero di messaggi : 16568
Età : 54
Localizzazione : luminosa serenissima repubblica
Barca e motori : Jeanneau Prestige 46
Porto/Marina : Izola Slovenia
Data d'iscrizione : 25.09.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da grande blu il Mar 10 Dic 2019 - 16:36

Pri ma dell'evaporatore e della ventola? Non capisco. Hai una pompa di calore unica e poi un circuito d'acqua che distribuisce il freddo o caldo nei diversi fan coil o ogni locale ha la sua pompa di calore?
grande blu
grande blu
imboscato
imboscato

Numero di messaggi : 792
Data d'iscrizione : 23.11.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da nautius il Mar 10 Dic 2019 - 18:43

ho 2 macchine complete con pompa per aria condizionata una in camera che fa l'armatoriale e una cameretta e l'atra in salone che fa salone e terza cameretta.

Nel ventilatore c'e' la resistenza come in qualsiasi termoconvettore che parte e scalda l'aria che viene spinta nelle bocchette senza dover accendere il compressore e tutto il sistema di aria condizionata compresa la pompa che aspira acqua di mare per fare andare il condizionatore.

_________________
Claudio e' nautius!!   *******LA PIU' GRANDE PASSIONE E' IL MARE*******

La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un proumo troppo forte. È una musica che non so suonare. Perdonami amico mio, ma io non scenderò.

Danny Boodman T.D. Lemon Novecento
nautius
nautius
Admin
Admin

Maschio
Numero di messaggi : 16568
Età : 54
Localizzazione : luminosa serenissima repubblica
Barca e motori : Jeanneau Prestige 46
Porto/Marina : Izola Slovenia
Data d'iscrizione : 25.09.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da grande blu il Mer 11 Dic 2019 - 9:37

In pratica hai i fan coil con una resistenza incorporata, ovvero dei fan coil/termoconvettori. Dunque si possono collegare a qualsiasi impianto. Interessante. Di che marca sono?
grande blu
grande blu
imboscato
imboscato

Numero di messaggi : 792
Data d'iscrizione : 23.11.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da nautius il Mer 11 Dic 2019 - 11:55

mah, credo che se c'è la predisposizione si possa fare e anche a costi contenuti, bene sapendo che di costi contenuti in nautica non c'e' nulla!

Se l'impianto non è predisposto andrei cauto magari con modifiche artigianali parliamo sempre di roba che scalda e che può causare cortocircuiti e incendi.

le mia macchine sono Climma

_________________
Claudio e' nautius!!   *******LA PIU' GRANDE PASSIONE E' IL MARE*******

La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un proumo troppo forte. È una musica che non so suonare. Perdonami amico mio, ma io non scenderò.

Danny Boodman T.D. Lemon Novecento
nautius
nautius
Admin
Admin

Maschio
Numero di messaggi : 16568
Età : 54
Localizzazione : luminosa serenissima repubblica
Barca e motori : Jeanneau Prestige 46
Porto/Marina : Izola Slovenia
Data d'iscrizione : 25.09.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da grande blu il Gio 12 Dic 2019 - 23:30

Anche io ho Climma. Magari scopro che nei miei fan coil c'è già la resistenza….. Anche se… Io sono come Franz. Per il mio periodo e latitudini di utilizzo un colpetto di pompa di calore mi basta e avanza.
grande blu
grande blu
imboscato
imboscato

Numero di messaggi : 792
Data d'iscrizione : 23.11.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da nautius il Ven 13 Dic 2019 - 13:27

no avercele ci giocherei quello che vuoi che non le hai.. figurati se in nautica regalano qualche cosa!!

Ma sicuramente puoi applicarle secondo me.

Che tasti hai? io ho 2 tasti e un termostato uno ha una stellina rossa e una blu l'altro ha la possibilità di regolare l'intensità di aria erogata (min,med,max) poi il termostato

Se tu hai lo stesso gruppo e se premi sulla stellina rossa non succede nulla probabilmente è già tutto fatto e basta collegare le resistenze.

_________________
Claudio e' nautius!!   *******LA PIU' GRANDE PASSIONE E' IL MARE*******

La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un proumo troppo forte. È una musica che non so suonare. Perdonami amico mio, ma io non scenderò.

Danny Boodman T.D. Lemon Novecento
nautius
nautius
Admin
Admin

Maschio
Numero di messaggi : 16568
Età : 54
Localizzazione : luminosa serenissima repubblica
Barca e motori : Jeanneau Prestige 46
Porto/Marina : Izola Slovenia
Data d'iscrizione : 25.09.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da grande blu il Ven 13 Dic 2019 - 14:03

E' uguale sul mio. Ma la stellina rossa o cristallo blu serve per fare si che il fan coil si accenda fino a che la temperatura non è salita fino ad un certo valore per poi spegnersi (inverno) e, nell'altra posizione, per far si che il termostato si accenda fino a che la temperatura non è scesa fino ad un certo valore per poi spegnersi (estate). La morsettiera del Fan coil è abbastanza nutrita. Devo trovare il manuale di installazione
grande blu
grande blu
imboscato
imboscato

Numero di messaggi : 792
Data d'iscrizione : 23.11.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da Infinity il Sab 14 Dic 2019 - 8:32

Io CREDO di aver il termostato più evoluto, in cui puoi settore la velocità della ventola (o metterla su AUTO) e settore le temperature, ho due macchine una per cabina armatoriale (che nel mio caso e enorme) ed una per dimette e cabina di prua.
Il difetto per me è un po’ il rumore dei compressori, ma nulla di drammatico.
Ci ho passato diversi capodanni senza min8mo problema.
Infinity
Infinity
imboscato
imboscato

Maschio
Numero di messaggi : 571
Età : 54
Localizzazione : Pavia
Barca e motori : Jeanneau 42 DS
Porto/Marina : Lavagna
Data d'iscrizione : 09.10.07

Torna in alto Andare in basso

default Re: Riscaldarsi in barca.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum