navighiamo
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

1 o 2 motori? Infinito dilemma!!

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Andare in basso

default Re: 1 o 2 motori? Infinito dilemma!!

Messaggio Da Ospite il Dom 7 Set 2008 - 22:38

grande blu ha scritto:
In genere: è vero che due motori aumentano la probabilità di guasti, ma è improbabile che questi guasti accadano contemporaneamnete ad entrambi i motori. Per cui: con 2 motori più tribolazioni ma più sicurezza

sono daccordissimo....ma il mio dubbio é:
realmente necessitiamo tutta questa "supposta" sicurezza nelle navigazioni che normalmente facciamo??....e mi rispondo da solo
...é evidentemente una esigenza soggettiva.
Come é soggettivo ci sia chi preferisce non preparare un sistema di traino, ma poi non ha problemi in mangiarsi metá vacanza
aspettando il meccanico...
questo si..in porto al sicuro dal mare naturalmente...
..Per me questa non é "sicurezza"...ma stressss nautico, con probabile infarto dietro l'angolo....scherzo naturalmente...ma non troppo..
i forum sono pieni di marinai che passano le vacanze in porto aspettando il mecca che gli aggiusti la macchinetta per i toast, i leddini e l'aspirapolvere.....sicuro che ne conoscete qualcuno!!!
avatar
Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

default Re: 1 o 2 motori? Infinito dilemma!!

Messaggio Da Ospite il Dom 7 Set 2008 - 23:28

Allura, partendo dal presupposto che non ci sono verità assolute, ma ogniuno ha una sua condizione basata sulla barca e legata alle proprie esigenze ed all'uso che ne fa, volevo dire la mia.
Premetto che io non sono assolutamente un convinto assertore che un solo motore sia sufficiente e negli di due, ma sicuramente per le mie esigenze e nella scelta della mia barca è stata la soluzione migliore PER ME, secondo la mia modesta e discutibilissima opinione.
Dal mio punto di vista la scelta possibile era un Mercruiser 5.0 MPI, di ultima generazione e con lo smartcraft incorporato che fa anche il caffe e due Mercruiser da 130 c.v. ogniuno ancora prodotti e commercializzati solo a carburatori.
Secondo il mio metro e ribadisco, nel mio caso
Pro monomotore:
1) 250 Kg. di meno a bordo, ovvero l'equivalente di tre persone a bordo in meno
2) Prestazioni migliori per una resa dichiaratamente migliore visti gli attriti ed i pesi inferiori.
3) Costi inferiori per l'acquisto di 1.500-2.000 euro, ma che non influenzano assolutamente una scelta cosi importante, costi di manutenzione inferiori e consumi lievissimamente più contenuti.
4) Ottima manovrabilità, sicuramente inferiore a quella di un bimotore ma sicuramente soddisfacente.
5) Motore ad iniezione di ultima generazione e non a carburatori.
6) Buona affidabilità
Pro Bimotore
1) La sicurezza che se si rompe un motore si può fare rientro con l'altro e stop.
Ovviamente tale sicurezza si ha solo se il guasto interessa solo un motore e non impianti che sono in comune, ad esempio acqua o morchia nel carburante, altrimenti anche questa va a farsi friggere.
A quest'ordine di valutazioni solo mie e quindi discutibili e/o non condivisibili, bisogna aggiungere che io ho cambiato la barca con una più grande solo per stare più comodo, ma privileggio per tutto l'arco dell'anno la crociere sottocosta e la maggior parte delle volte quando esco, anche e spesso restando tutto il giorno in mare, difficilmente faccio complessivamente più di una decina di miglia.
La circostanza che quest'anno sia andato due volte in Grecia è del tutto eccezionale e più legata alla curiosità di fare l'esperienza di una crociera con la mia barca e, ritengo io con un rischio abbastanza limitato, visto che ero insieme ad altre 4 barche e persone molto esperte in materia di barche e navigazione oltre che avere un motore ancora nuovo di pacca e quindi con un livello di affidabilità elevatissima, comunque più che sufficiente a mio avviso per attraversare quelle 50 miglia relative al canale d'Otranto per poco più di due ore di navigazione.
Un'avaria del motore in quelle condizioni sarebbe stata sicuramente una bella grana ma niente di allucinante o da attentare alla sicurezza mia o degli occupanti.
Sulla scorta di queste mie valutazioni se mi si chiede se per intraprendere delle crociere impegnative è meglio avere una barca con una o due motori la risposta è ovvia, sicuramente meglio due, ma nella mia situazione malgrado il problema occorso resto della convinzione che sia meglio uno per le ragioni che ho indicato, ripeto discutibile e/o non condivisibile ma la mia opinione è questa.
Comunque la mia opinione per quanto riguarda l'argomento in questione è che sino a quando la barca può essere validamente servita da un'ausiliario IO preferirei un solo motore, oltre la bimotorizzazione è d'obbligo come è ugualmente molto importante se si intraprendono spesso traversate impegnative.
Al di la delle possibili opinioni leggo delle inesattezze a mio avviso ovviamente.
Installare una potenza esuberante su barca a mio avviso non serve solo per avere delle prestazioni migliori in termini di velocità, ma maggiore possibilità di gestione della barca in sicurezza in condizioni di mare mosso o gravose.
Per fare un'esempio nell'ultima crociera fatta in Grecia un giorno mi è preso un colpo, ho visto la linea di gallegiamento più giu del solito a cui sono abituato di quasi tre dita, immediatamente ho chiamato gli esperti e chiesto di controllare la barca, ma subito dopo essersi fatta una bella risata mi hanno fatto il conto, 330 litri di benzina nel serbatoio oltre due latte da 25 luna + 130 l. di acqua, due occupanti sulla barca e bagagli a bagaglini vari oltre la mia attrezzatura completa da sub, insoldoni avevo imbarcati almeno 7-800 kg. in più rispetto al normale, ma comunque la barca in navigazione andava regolarmente.
Nel momento in cui ho fatto benzina in Grecia ho scoperto che costa meno, 1.25 euro circa, ma è più povera di ottani e quindi rende anche molto meno, quindi sotto sforzo i consumi sono lievitati considerevolmente con un bel ritardo ad entrare in planata, anche se non significativo, in un punto molto aperto verso Cefalonia ho trovato onda lunga, in parole povere il mare sembrava veramente in salita ed in discesa e la barca in salita faticava a raggiongere i 15 nodi, in discesa arrivava immediatamente a 35, forse 40 se non toglievo la manetta Very Happy, la mia come anche le altre.
La mia barca è motorizzata bene e si è sempre comportata correttamente a mio avviso ma potendo qualche cavallo in più non guasta mai, se non serve non si usa, personalmente monterei in barca sempre il massimo della potenza installabile.
avatar
Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum